Giampiero Beltotto e l’inchiesta sulla clausura dagli anni ’70 a internet

BeltottoMercoledì 28 maggio | ore 20.30 | Pordenone             Sala ex convento San Francesco, Via della Motta 2 (mappa)

Pordenone Pensa ingrana la marcia. Dopo l’economista Paolo Savona (il 27 maggio a Spilimbergo, palazzo Tadea), la rassegna di idee organizzata da Circolo Culturale Eureka e Provincia di Pordenone ospita Giampiero Beltotto, giornalista e comunicatore, responsabile marketing de La Fenice di Venezia con un passato da portavoce del governatore Luca Zaia.

A PnPensa Beltotto, percorrendo un cammino ideale da “Ho intervistato il silenzio” a “Silenzio amico” (libri che ha dato alle stampe rispettivamente nel ’79 e nel ’12) sviscera la sua inchiesta sulla clausura dagli anni ’70 ad internet. Le protagoniste sono le monache di clausura che, dal silenzio, parlano del senso della vita, della Chiesa, del sesso, della maternità. Dalla clausura – luogo caratterizzato da silenzio, tempi lunghi, interiorità, riflessione – le suore si confrontano con il popolo di internet – per eccellenza luogo di immediatezza, confusione, parole urlate. E lo fanno attraverso un blog dove le domande degli utenti ricevono risposte assolutamente sorprendenti.

Alla base di tutto sta la necessità del silenzio, che si fa ancora più urgente in un mondo tecnologico e immediato, troppo veloce per i ritmi dell’animo umano. “In tutti noi c’è un frammento di silenzio – dice in un’intervista on line – è da quel silenzio che nascono i grandi quesiti e le grandi risposte alla nostra esistenza.

Pordenone Pensa prosegue questa settimana con i giornalisti Linda Dorigo e Andrea Milluzzi, l’artista Gioele Dix e l’attore Franco Nero.

Tutti gli appuntamenti hanno ingresso libero.

Programma consultabile nell’apposita sezione di questo sito.

Annunci
Tagged with: , , , , ,
Pubblicato su NEWS
A cura di
Follow #PordenonePensa
Follow PordenonePensa on WordPress.com
Prossimi eventi

Nessun evento in arrivo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: